Viaggi

Alla scoperta delle isole verdi della Grecia: le Sporadi

Una breve guida delle isole Sporadi in Grecia

Purtroppo le vacanze sono finite, ma eccomi qui per parlarvi del nostro viaggio nelle isole Sporadi, in Grecia. Le Sporadi si trovano nell’Egeo Settentrionale, molto vicine alla costa, sono 11 tra isole e isolette meravigliose, noi abbiamo visitato Skopelos e Skiathos, che sono due delle quattro isole più grandi.

Per arrivare abbiamo preso il volo diretto per Skiathos di Blue Panorama da Orio al Serio. I voli non partono tutti i giorni, ma sono abbastanza frequenti e, avendo prenotato in anticipo, lo abbiamo pagato circa 200 euro. Blue Panorama vola anche da Bologna e Roma.

Sempre online abbiamo comprato i biglietti del traghetto per Skopelos (e ritorno) con Hellenic Seaways che parte direttamente dal porto di Skiathos. In alternativa potete prendere l’aereo fino a Volos e poi il traghetto fino alle Sporadi, che nel periodo estivo sono collegate tra loro con i traghetti (o aliscafo) anche più volte al giorno.

Le Sporadi sono definite le “isole verdi” della Grecia perché sono molto verdi e ricche di vegetazione rispetto alle altre più secche e brulle. Il verde che si tuffa a picco nel celeste del mare è uno degli aspetti che più colpisce.

Abbiamo trascorso una settimana a Skopelos e una a Skiathos. Qui vi racconto l’itinerario e nei prossimi articoli troverete il racconto delle due isole. Ho deciso di dividerli perché entrambe meritano un po’ di “spazio” tutto per loro!

Siamo atterrati a Skiathos e dall’aeroporto abbiamo preso un taxi per il porto. La tariffa è fissa e costa 4 euro a persona. Dato che i taxi sono relativamente pochi, i tassisti tendono a riempire le auto con persone che devono raggiungere lo stesso posto. Quindi abbiamo fatto il tragitto insieme a una coppia di turisti romani, le valigie erano legate dietro nel baule che non si chiudeva. Ma sono ben organizzati e le valigie non cadono. Inoltre il tragitto è davvero breve: 7 chilometri. Se per caso all’aeroporto non ci dovessero essere i taxi, non preoccupatevi perché arrivano davvero in fretta. Io non ho fatto in tempo ad andare a chiedere dove fossero che ne sono arrivati due. La città è vicinissima.

Al porto abbiamo quindi aspettato il nostro traghetto, in questo caso un aliscafo che in mezz’ora ci ha portati a Skopelos. Come vi dicevo, abbiamo acquistato il biglietto online per 30 euro e stampato tutto da casa. Se per qualche motivo non riuscite a stamparlo, alla biglietteria stampano i biglietti senza problemi, ma ricordatevi di andarci almeno un’ora prima, perché potrebbe esserci coda. Sull’aliscafo i posti sono assegnati. Sul traghetto normale che abbiamo preso al ritorno invece no. Il traghetto del ritorno, prima di dirigersi verso Skiathos, si è fermato a Glossa, la seconda cittadina dell’isola, questo ci ha dato modo di vedere le coste dell’isola dal mare, se il vento non vi infastidisce, vi consiglio di stare all’esterno e di godervi il panorama!

La prima settimana a Skopelos abbiamo alloggiato all’Hotel Elli, che non è in centro, ma è comunque abbastanza vicino al porto e alla fermata dei pullman. Le camere sono piccole, ma molto pulite, tutte dotate di aria condizionata, phon, frigorifero e balconcino. L’hotel ha una piscina che si può utilizzare dal mattino alla sera. La colazione è molto buona, dolce e salata, con dolci e marmellate fatti in casa dalla padrona, da gustare nel patio all’ombra della tettoia o del grande albero lì accanto.

Qui abbiamo deciso di soggiornare a Skopelos Town, cittadina davvero deliziosa, e poi di spostarci con i pullman, taxi o quad, nelle spiagge che più ci interessavano. I prezzi delle corse dei pullman variano da 1,60 euro per le spiagge più vicine, fino ai 4 euro per quelle più lontane. Noleggiare il quad invece costa 50 euro al giorno. Il taxi ovviamente è il mezzo meno economico, per la spiaggia più vicina la corsa costa 8 euro. Skopelos è una combinazione di blu, azzurri e verdi, di profumi e vento. È un’isola che conserva ancora la sua natura incontaminata e selvaggia.

A Skiathos invece abbiamo preso la decisione opposta. Dato che avevamo letto che Skiathos Town è più caotica e rumorosa, abbiamo deciso di soggiornare a Kolios, un paesino a circa 6 chilometri da lì. Eravamo circa a metà strada tra la città e le varie spiagge. Anche qui i pullman funzionano molto bene, e, a parte un paio di episodi in cui non siamo riusciti a salire perché troppo pieni, li abbiamo usati per tutta la settimana per spostarci. I prezzi variano da 1,60 euro per le spiagge più vicine, fino ai 4 euro per quelle più lontane. Dal porto di Skiathos Town, dove siamo arrivati con il traghetto da Skopelos, a Kolios il primo giorno abbiamo preso il taxi che con 15 euro ci ha portati a destinazione in 15 minuti.

A Kolios abbiamo soggiornato nel residence Skiathos Diamonds, che comprende mini appartamenti affacciati su una piccola collina circondata da ulivi, verde e tranquillità. Ogni tanto si sentono i belati delle pecore e i galli cantare, non solo all’alba. La posizione per noi è stata ottimale, lontana dal caos, ma sulla strada per le più belle spiagge dell’isola. La sera spesso abbiamo preso il pullman per andare a cenare in città o semplicemente per esplorarla.

Le Sporadi mi hanno colpito molto per i colori, i profumi, il vento, la luce e le persone meravigliose. Ad un primo sguardo gli abitanti sono schivi e sembrano un po’ burberi, ma se incroci il loro sguardo ti sorridono sempre, soprattutto le donne anziane. Alcuni episodi mi hanno quasi commosso per la gentilezza alla quale noi non siamo abituati. Mi hanno aperto il cuore, sono tornata a casa piena di questi gesti tanto semplici quanto insoliti per noi.

Nei prossimi articoli vi svelerò anche cosa mangiare in Grecia per chi è intollerante al lattosio, e anche in questo caso la gentilezza delle persone è stato un aspetto fondamentale!

mm
Adoro scoprire nuovi luoghi e sapori, amo viaggiare, sperimentare e fotografare. Questo è il mio blog di cibi senza latte, viaggi e posti dove mangiare nella mia Milano.

Lascia un commento